Istituto di Medicina dello Sport di Firenze - Fasi Visita
Istituto di Medicina dello Sport di Firenze

Come si articola la visita?

Gli accertamenti da effettuare sono previsti dal D.M. 18/02/1982 e seguenti e variano in relazione allo sport praticato.

In sintesi esistono due tipi principali di visite:

•  la visita tipo A

•  la visita tipo B

alle quali poi possono aggiungersi in relazione agli sport, ulteriori esami.

La visita B è quella più comune necessaria per la grande maggioranza degli sport ed è quella sotto descritta.

La visita A si differenzia dalla visita B per l’assenza dell’Elettrocardiogramma durante e dopo sforzo.

 

La visita di idoneità agonistica tipo B comprende:

•  raccolta delle informazioni sullo stato di salute del soggetto e su eventuali patologie familiari di interesse per il rilascio dell'idoneità, sulla qualità delle attività lavorative e sportive svolte, su alcune abitudini (fumo, assunzione di integratori, alcool...) e sulla conoscenza dei danni derivanti dall'assunzione di sostanze doping

•  raccolta dei dati antropometrici (peso e altezza) e misurazione del visus

•  visita clinica con ascoltazione toracica e misurazione della P.A.

•  Elettrocardiogramma a riposo

•  Elettrocardiogramma durante e dopo sforzo (step test allo scalino) della durata di 3 minuti con rilevazione del recupero per almeno 1 minuto e 30.

N.B. Gli atleti di età maggiore di 40 anni (39 anni e sei mesi a norma dell'Atto di indirizzo della L.R. 35/2003 ) effettuano un test da sforzo non allo scalino, ma sul cicloergometro, perchè è scientificamente acquisito che al di là di questa soglia di età il test risulta maggiormente efficace per l'individuazione di patologie a rischio (ischemie, ecc.).

 
N.B. Nel novembre 2007 il Ministero della Salute, su proposta del CONI nazionale e con parere favorevole del Consiglio superiore di Sanità, ha abbassato a 35 anni il limite per l’esecuzione del Test da sforzo al cicloergometro invece che allo scalino per molte discipline. La Regione Toscana per il momento non si è ancora uniformata, e quindi per ora il test è solo consigliato, e non obbligatorio.
È evidente che i presupposti scientifici che hanno indotto il Ministero a questa scelta sono tutti validi e quindi chi decidesse di non effettuarlo è consapevole che la valutazione di idoneità non è rispondente ai più attuali criteri e indirizzi.

•  Esame spirometrico, che ha lo scopo di misurare la capacità respiratoria vitale

•  Esame completo delle urine che dà utili indicazioni di funzionalità epatica, renale e metabolismo glicidico. A tale proposito va sottolineato che la legge (e la buona pratica medica) prevedono che l’esame delle urine sia completo, ovvero con analisi del sedimento al microscopio e refertazione del biologo. Diffidate quindi di chi rende il certificato contestualmente alla visita, perché certamente non è stato fatto l’esame completo: nella migliore delle ipotesi l’urina è stata analizzata in modo parziale (solo esame chimico) da un fotometro automatico. Peraltro dall’ottobre 2012 l’ISTITUTO SI è DOTATO di un nuovo apparecchio da poco presente sul mercato Italiano, che effettua in automatico oltre all’analisi chimica anche quella al microscopio del sedimento; in tal modo vengono abbattuti i tempi necessari di esecuzione dell’esame completo ed è possibile ottenere il risultato contestualmente alla visita e in assenza di motivi ostativi il certificato può essere restituito subito.
Quindi il consiglio è di chiedere sempre in caso di restituzione immediata in altre strutture, se è stato effettuato l’esame microscopico del sedimento.

 

Se durante la visita il medico ne ravvisi la necessità, sarà richiesta al diretto interessato l'effettuazione presso il nostro Istituto (a norma dell'Atto di indirizzo della L.R. 35/2003) od in un'altra struttura sanitaria accreditata a sua scelta di ulteriori esami clinici, nel rispetto dei protocolli e linee guida esistenti. Nel caso si verifichi un’incompletezza degli accertamenti previsti da D.M. 18.02.82 o nel caso di mancato rispetto degli adempimenti della normativa e trascorsi 60 giorni dall’inizio della procedura si procede al rigetto della richiesta di visita medica per la concessione della certificazione di idoneità sportiva agonistica, avvertendo l’interessato che in caso di nuova richiesta dovrà essere percorso di nuovo tutto l’iter amministrativo e sanitario previsto dalla normativa.(L.R.n° 35/2003 e Dec. G.R.T. n° 461 del 17.05.2004).

 

La visita di idoneità non agonistica è stata recentemente normata . Nel nostro Istituto vengono effettuati gli stessi esami della visita di tipo B e in generale gli stessi accertamenti richiesti per l’idoneità agonistica per lo sport praticato.

 

Essa pertanto comprende:

 •  raccolta delle informazioni sullo stato di salute del soggetto e su eventuali patologie familiari di interesse per il rilascio dell'idoneità, sulla qualità delle attività lavorative e sportive svolte, su alcune abitudini (fumo, assunzione di integratori, alcool...) e sulla conoscenza dei danni derivanti dall'assunzione di sostanze doping

•  raccolta dei dati antropometrici (peso e altezza) e misurazione del visus

•  visita clinica con ascoltazione toracica e misurazione della P.A.

•  Elettrocardiogramma a riposo

•  Elettrocardiogramma durante e dopo sforzo (step test allo scalino) della durata di 3 minuti con rilevazione del recupero per almeno 1 minuto e 30.

N.B. Per gli atleti over 40 (o meglio over 35) l'esecuzione del test da sforzo al cicloergometro è facoltativa

•  Esame spirometrico, che ha lo scopo di misurare la capacità respiratoria vitale

•  Esame completo delle urine che dà utili indicazioni di funzionalità epatica, renale e metabolismo glicidico (opzionale) 

 

Se durante la visita il medico ne ravvisi la necessità, sarà richiesta al diretto interessato l'effettuazione presso il nostro Istituto (a norma dell'Atto di indirizzo della L.R. 35/2003) od in un'altra struttura sanitaria accreditata a sua scelta di ulteriori esami clinici, nel rispetto dei protocolli e linee guida esistenti.

 

Per l'idoneità non agonistica non è applicabile la norma del RIGETTO.

 

Per ogni eventuale ulteriore informazione contattateci.

 

Utilizza il form on-line

o chiama direttamente lo +39 055 332379


 

Partner: euro2012.it
Istituto di Medicina dello Sport di Firenze • Firenze P.I. 04466490481 | Web Agency Altavista
Istituto di Medicina dello Sport di Firenze News Feed
Direttore Sanitario Dott. Sergio Califano specialista in medicina dello sport. Autorizzazione Comune di Firenze n° 2005/DD/02913 del 01/04/2005.
Accreditamento Regione Toscana n° 3899 del 08/07/2005. A.P.I.M.S. p.iva 04466490481 | Informativa Cookies
  • Italiano